Paolo Chiarandini

Paolo Chiarandini

BIOGRAFIA

Ha brillantemente compiuto gli studi di pianoforte presso il Conservatorio "Jacopo Tomadini" di Udine sotto la guida di Maria Felicita Russo-Perez, studiando poi con Nino Gardi e perfezionandosi in seguito ai corsi estivi di Zumaia (Spagna) con Norberto Cappelli e Hector Moreno. Presso il Conservatorio "Benedetto Marcello" di Venezia si è inoltre diplomato con il massimo dei voti in Strumenti a Percussione con Aldo Buonomo ed in Strumenti Antichi con Pietro Verardo. Dal 1983 al 1987 ha vinto sette primi premi assoluti e due secondi premi (primo non assegnato) in concorsi pianistici e di musica da camera sia nazionali che internazionali ("Camillo Milano" - Savona, "Sergio Lorenzi" - Trieste, Albenga, Stresa, Caltanissetta, etc.). Ha svolto attività concertistica in qualità di solista ed in formazioni cameristiche per importanti associazioni in tutta Italia e all’estero ("Teatro la Fenice" - Venezia, "Teatro Chiabrera" - Savona, "Salle des Fetes de la Marie" - Parigi, "Sale Apolline" - Venezia, etc.) partecipando anche a numerosi programmi radiofonici e televisivi (RAI 3, Radio 1, Radio 3) e registrando per la casa discografica Edipan. Ha partecipato come solista alla prima esecuzione assoluta dell'opera "Prometeo" di Luigi Nono con la "Chamber Orchestra of Europe" sotto la direzione di Claudio Abbado. Dal 1989 fa parte del "Contempo Ensemble", gruppo da camera specializzato in musica contemporanea, con il quale ha partecipato ai più importanti festival internazionali ("Musica del Nostro Tempo" - Milano, "La Biennale di Venezia", "Rotte Mediterranee" - Algeri, "XIII Festival Forie Saint Germain" - Parigi, etc.). È docente presso il Conservatorio "Giuseppe Tartini" di Trieste.

RECENSIONI

... l'impatto con lo strumento è stato subito felice e applaudito ... incisivo tecnicamente e fantasioso nella conduzione di pagine stilisticamente differenti ... da lodare l'ottima capacità di far emergere le voci intrecciate ... Un concerto dunque vario, godibile, divertente, sostenuto con professionalità, chiarezza e brio ...
(Il Piccolo - S. Cimarrosti)

... Brillante virtuosismo alternato a momenti di sentita intensità ... approfondita precisione stilistica ... calorosissimi applausi ...
(Voce Isontina - E.Lipizer)

... molto bella l'interpretazione di Mozart stilisticamente precisa ed eseguita con brillante tecnica ...
(Primorski Dnevnik - L.Q.)

... intelligente e sensibile penetrazione dei testi musicali ...
(Messaggero Veneto - G.S.)

... ha sfogliato con bella souplesse le pagine di Fauré ...
(Il Piccolo - G.Gori)

... l'ottimo pianista Paolo Chiarandini ... che ha suonato con raffinate dinamiche e bel tocco.
(Messaggero Veneto - R. della Torre)

... la grazia e la levigatezza cantabile ...
(Il Gazzettino - M.Messinis)

... ha contraddistinto la propria prestazione per un suono ricco di sfumature, capace di toni via via caldi e brillanti...
(Messaggero Veneto - R. della Torre)

... brillante e raffinato cesello di giocosa vivacità e cantabile eleganza ... tocco delicato e cantante ...
(Corriere - Cristina Fedrigo)

... preparazione di classe e ottima musicalità ...
(Messaggero Veneto - R. della Torre)

... vero talento sia dal punto di vista tecnico che per adesione emotiva, facendo cogliere agli spettatori tanto le grandi pennellate armoniche quanto i minuziosi dettagli di fraseggio e colore, l'incisività dei temi e la varietà dei percorsi secondari che caratterizzano una musica la cui sottesa tensione lirica è stata resa dal pianista con lucidità e passione. Applausi scroscianti...
(Il Gazzettino - Luigi Pellizzoni)